Anticipazioni Motori in Fiera

Riduzione Co2 : risoluzione dal Parlamento Europeo

Proprio in questi giorni il Parlamento Europeo ha approvato un documento utile a ridurre le emissioni di CO2 prodotte dalle auto.

La riduzione dovrebbe risultare pari al 40% e il “taglio” dovrebbe avvenire a partire dal 2030.

Il provvedimento deriva da un adeguamento alla riduzione dei gas serra in base agli Accordi di Parigi che proprio nel 2030 prevedono una riduzione del 35,3% di CO2 rilasciata dalle auto.

Il settore dell’auto è responsabile dell’emissione di CO2 pari al 15% nel solo Vecchio Continente

Tuttavia la proposta diventerà definitiva soltanto dopo aver superato lo scoglio del Consiglio della Commissione ma anche una prevedibile trattativa con i grandi dell’auto che non ritengono positiva questa decisione.

Il provvedimento, oltre all’abbattimento del 40% delle emissioni per il 2030, prevede anche una tappa intermedia fissata al 20% per il 2025.

Ai costruttori che dovessero non rispettare le norme, verranno imposte delle sanzioni.

Il Parlamento ha inoltre previsto una percentuale di modelli venduti a emissioni zero o comunque a bassissime emissioni che deve essere del 20% entro il 2025 e del 35% entro il 2030.

Il provvedimento prevede alcune modifiche ai test per le emissioni con rilevazioni effettuate in condizioni guida “normale”.

C’è da dire che il provvedimento non prevede dei valori di CO2 limite anche se possono essere facilmente ricavabili.

Nel 2030 il limite sarebbe di 57 g/km, un dato raggiungibile solamente da auto elettriche o ibride plug-in.

In pratica ciò significherebbe che l’industria automobilistica dovrebbe subire una conversione incredibile, forse nemmeno fattibile. Oggi solo l’1,5% delle auto Europee sono elettriche.

Per questi motivi l’ACEA, l’associazione dei produttori automobilistici d’Europa, prevede un aumento dei costi di produzione che significa un aumento dei prezzi di vendita e quindi un danno nei confronti dei consumatori.

Sempre da ACEA arriva anche un monito su una prevedibile perdita di posti di lavoro nel settore della produzione automobilistica.

Vota questo articolo!