Marca Peugeot

Peugeot RCZ, le prime impressioni

Se ne è già parlato parecchio in vari siti e giornali, ci sembra quindi opportuno dedicare un po’ di attenzione a questa piccola sportiva. Stiamo parlando della Peugeot RCZ, che dovrebbe uscire per luglio 2010 con l’intento di sfidare concorrenti come Volkswagen Scirocco e Audi TT, certo non sarà facile per la francese, ma dalle prime impressioni possiamo dire che ha tutte le carte in regola.

La RCZ si presenta con un’impronta prettamente sportiva, ma non nega comunque anche qualche tocco di eleganza. La linea sinuosa e filante le dona una forte personalità e una grande grinta, grazie anche al muso affusolato, ai passaruota larghi e alla carrozzeria bassa e larga da vera sportiva, infatti misura 1,85 metri in larghezza e soli 1,36 in altezza. Originalissimo il tetto “a onde” visibile in foto che offre all’RCZ ancora più personalità. Degno di lode anche l’abitacolo, molto ben rifinito e costruito con materiali di buona qualità a partire dalla plancia, fino ai sedili avvolgenti e ai pedali in alluminio che donano la giusta sportività anche agli interni. L’unica pecca sono i posti dietro, decisamente stretti e scomodi, ma d’altronde chi acquista un’auto di questo tipo non cerca grandi spazi.

La RCZ è molto agile in città, ma i suoi luoghi preferiti sono le strade ricche di curve dove può mettere alla prova il suo assetto da vera sportiva, basso e con sospensioni rigide, e il cambio e lo sterzo, entrambi molto precisi. Inoltre i motori a disposizione garantiscono una buona coppia, l’ideale per una guida sportiva. Vediamo nel dettaglio i motori disponibili: il meno potente è un 1.6 turbo alimentato a benzina che con i suoi 156 CV di potenza permette alla vettura di bruciare lo 0-100 Km/h in 8 secondi e di raggiungere una velocità massima di 217 Km/h. Disponibile subito ci sarà anche un 2.0 turbo diesel da 163 CV con una coppia di ben 340 Nm e uno scatto da 0 a 100 Km/h in 8,2 secondi mantenendo contenuti i consumi (18,9 Km/l dichiarati dalla casa, forse un po’ troppo ottimistici). Più avanti sarà disponibile anche il 1.6 turbo benzina montato dalla Mini Cooper S che però, in questo caso, erogherà ben 200 CV contro i 184 della Mini e scatterà da 0 a 100 Km/h in 7,5 secondi.

Vota questo articolo!